Le MURA di Bergamo nel patrimonio dell’Unesco

Mentre i Volontari erano al lavoro lungo le Mura, la notizia, benché attesa e sperata, ha cominciato a circolare tra i nostri soci, instillando in loro quel sano senso di orgoglio di coloro che sono consci dell’importanza della propria partecipazione ad un successo.
Così, mentre molti personaggi si preoccupavano di rilasciare interviste piene di ricordi e grandi idee destinate a riempire le pagine dei giornali cittadini, Orobicambiente ha invece proseguito, come da dieci anni in qua, a prendersi cura del monumento tanto caro a tutti i bergamaschi.
Solo più tardi, a lavori prestabiliti terminati, sono state rilasciate alcune brevi dichiarazioni (come quella riportata dal TGR Lombardia sotto allegata) per ricordare a tutti (non certo ai tanti cittadini che ci seguono e sostengono) l’importanza del nostro lavoro e l’onerosità del nostro impegno.
Ottenere il riconoscimento delle nostre Mura come patrimonio mondiale non è stato per la nostra città per niente semplice e sicuramente diversi fattori hanno contribuito al risultato; ma altrettanto impegnativo sarà il confermarlo negli anni a venire.
Per ottenere ciò, sarà sicuramente decisivo il rapporto tra le Amministrazioni e le Associazioni cittadine impegnate nella conservazione (tra queste Orobicambiente ha sicuramente il primato per ore lavorative dedicate) e valorizzazione del bene, le quali dovranno essere correttamente “ascoltate” e messe in grado di operare al meglio. E altrettanto importante sarà il coordinamento e il convincimento ad operare correttamente da parte di tutte le proprietà private confinanti con le Mura.
Tra l’altro, per tener fede all’impegno, non sarà certo da dimenticare la sistemazione del settore nord-ovest (baluardo Valverde – baluardo San Gottardo) che, stante la proprietà, richiederà l’intervento del Ministero dei Beni Culturali e che si trova ora fuori dal piano di intervento concordato tra Comune e Orobicambiente.

 
170710 unesco - eco OA 170710 unesco - TGR - OA

OrobicAmbiente utilizzerà anche i droni

Grazie alla disponibilità e alla professionalità del suo vice-presidente Diego Marsetti, Orobicambiente potrà presto ispezionare in modo completamente nuovo l’intero perimetro della Mura per verificarne lo stato in ogni punto. L’utilizzo di droni potrà anche regalare alla città visioni completamente inedite dell’eccezionale cinta muraria.170208 eco -droni orobicambiente b

Continua la pulizia intorno alle Mura… e forse prima o poi diventeremo un paese “civile”

Orobicambiente per l’arte…
Con i materiali raccolti sotto le mura della fara e della montagnetta, in una ‘normale’ mattinata di pulizie, a distanza di soli 15 giorni dalla precedente raccolta, la fantasia si può sbizzarrire in fantasiose opere d’arte.
rifiuti dalle mura

e OROBICAMBIENTE lancia la campagna “SCEMO CHI BUTTA!” (di tutto, dagli spalti delle mura!)….e come si vede, anche pesca grossa sotto Sant’Agostino
rifiuti dalle mura2

Assemblea annuale dei Soci e Sostenitori 2016

Si è svolta come tutti gli anni l’Assemblea dei Soci e Sostenitori di Orobicambiente:

Dal discorso del Vice Presidente Diego Marsetti:
“Siamo alla soglia del decimo anno di fondazione dell’Associazione. Ambito traguardo ottenuto dai Volontari e dai, in vari modi, Sostenitori, anzi amici, che si sono prodigati con stima ed affetto per la cittadinanza di Bergamo e NON solo. E mi preme sottolineare come il lavoro sin d’ora svolto sia importante ed indispensabile per il mantenimento del nostro passato, presente e futuro. Anche il 2016 è stato caratterizzato da un forte impegno dell’associazione sul fronte della SICUREZZA. Il cammino di OROBICAMBIENTE ONLUS ha portato i suoi volontari a diventare, a tutti gli effetti, dei professionisti. Svolgere le attività “in sicurezza” è per noi un dovere morale non meno importante di quello di tutelare il decoro della Città e dei suoi colli”.

Dalla relazione del Presidente Giacomo Nicolini:
“Ricorderemo il presente anno 2016 quale periodo “pesantissimo” per le nostre attività volontarie, sia per l’enormità degli impegni assunti e sia soprattutto per il reperimento delle risorse economiche necessarie per svolgere gli stessi entro i limiti imposti di sicurezza e prevenzione. Malgrado ciò l’Associazione è lieta di presentare un bilancio in leggero attivo che costituisce un anticipo per l’istituzione di nuove unità operative destinate all’ambizioso progetto “Mura Pulite”, oggetto della convenzione con il Comune di Bergamo. Siamo certi che i dati meticolosamente riportati a questa assemblea potranno soddisfare tutti i Soci e Sostenitori ricordando che precisione, professionalità e, non ultima, la correttezza potranno ancora condurci a meritorie soddisfazioni”.

E dopo la presentazione del bilancio, la proiezione di un breve filmato e la consegna delle targhe di benemerenza, con l’invito a perseverare nell’impegno, da tutti i Volontari i più grandi Auguri per il prossimo Natale.
orob -depliant tesseramento

I lavori di Orobicambiente

Come già avvenne per il viadotto di Porta San Lorenzo – vedi l’articolo e il successivo lavoro – l’intervento di pulizia dei Volontari di OrobicAmbiente sul muraglione medioevale di via San Lorenzo non solo ha reso alla città la perfetta visibilità di un luogo storico importante ma ha segnalato ai responsabili dell’Amministrazione cittadina una situazione di reale pericolo su un percorso cittadino molto frequentato.
Qui sotto le immagini di prima e dopo l’intervento.
161028 prima dopo - orobicambiente - via S_Lorenzo 161119 crepe s-lorenzo b - corsera 161119 crepe s-lorenzo b - eco

Un plauso ai cittadini che partecipano alla pulizia e al decoro della nostra Città

Si può dire che finalmente anche i cittadini proprietari di luoghi che per la loro visibilità risultano essere di particolare importanza per il segnale di interesse che si da a tutta la città e ai turisti che la frequentano, si stanno muovendo. E’ il caso della valletta di Colle Aperto (che non è altro che la parte superiore della Valverde, tagliata dalla cortina di Porta San Lorenzo, e che è parte importante del Parco dei Colli) che, dopo anni di impegno dei nostri volontari, vede finalmente la partecipazione dei cittadini proprietari. Resta forte l’invito all’Amministrazione Comunale affinché intensifichi l’attività di sensibilizzazione di TUTTE le proprietà private di luoghi di interesse cittadino; tra queste in particolare quelle confinanti, sopra e sotto, le Mura di Bergamo.160926 pulizia valverde - eco

…come disincentivare il Volontariato

La serietà e l’impegno della nostra Associazione è stata molte volte testimoniata e in molte circostanze riconosciuta sia da cittadini che da organizzazioni e Istituzioni. Non si può richiedere ai nostri Volontari che, oltre che al tempo e alla fatica, che non è proprio poca, mettano anche a disposizione della comunità anche i propri soldi per comperarsi gli attrezzi, i mezzi e gli indumenti che si consumano per l’attività svolta. Eppure molte cose sono state fatte grazie alle offerte di generosi sostenitori e sacrificando altro tempo e fatica per qualche lavoretto per il quale veniva richiesto un piccolo contributo. E altri sacrifici sono stati fatti per fare tutte quelle cose che sia la sicurezza che la burocrazia richiedevano per operare secondo tutte le norme vigenti. Ma ora le casse sono proprio vuote e per potere fare un lavoro, che anche il Comune ritiene indispensabile e che fatte fare da ditte specializzate costerebbe allo stesso diverse centinaia di migliaia di euro, necessita proprio di un minimo di sostegno pubblico, sia “morale” che materiale. E di questo sostegno si sente la mancanza proprio in un momento importante, quando lo sforzo è al massimo per permettere alla città di dare di sé una buona impressione al Comitato Unesco che si prepara ad una prossima ispezione per verificare l’impegno promesso nella richiesta di riconoscimento. Da qui, con grande rammarico, la nostra amarezza espressa e ripresa dalla stampa di questi giorni. Ovviamente, mentre proseguono i nostri lavori per il Parco dei Colli e per altre cittadine limitrofe,, come nel carattere della gente bergamasca, resta intatta la speranza che presto le difficoltà incontrate in città vengano superate.
160514 Orobica sciopera

Riprendono i lavori di pulizia delle Mura Veneziane

Lo scorso sabato 16 gennaio, abbandonati i progetti di utilizzo di apparati, terminati i corsi di sicurezza, le visite mediche, messe a norma le attrezzature, sistemato il POS, le pratiche di assicurazione, il cantiere, le ordinanze sindacali, ecc. ecc., è finalmente ripartita la paziente operazione di pulizia manuale delle Mura che procederà nei tempi concordati con l’amministrazione comunale.
01 20160116_143500

07 DSCN4207