Bergamo e Unesco anno zero

Apprendiamo, con gioia e con sgomento, che si è svolto (a porte chiuse!) un “happening” dell’Unesco nella sala consigliare, strapiena di gente, del Comune di Bergamo. Presenti il ministro Franceschini (che ha consegnato il papiro di riconoscimento) e il “Gruppo di Coordinamento Internazionale”; i temi trattati più importanti sono stati il “lavora con noi” e “progetti futuri e iniziative in corso”. Sicuramente una tappa importante per gli incontri tra le sei città del gruppo e per lo scambio di idee sul da farsi per rimanere nella famosa lista. Difficile però non pensare che si sia trattato solo di tranquilla passerella visto che quelli “operativi” come la nostra Associazione non sono stati invitati a parteciparvi!
171114 programma Unesco

Dicono di noi…

Per il nostro volontariato al servizio della Città riportiamo un esempio dei complimenti ricevuto da persone che per lavoro illustrano la nostra Bergamo a cittadini e turisti: Tosca Rossi, nota autrice di pubblicazioni culturali ci ha scritto: “Che emozione, che suggestione con Terre di Bergamo e Valter Nava, grazie a Orobicambiente onlus, che per la PRIMA VOLTA in assoluto ha ripulito e aperto all’utenza bergamasca la PORTA DI SAN LORENZO e fisicamente calato i partecipanti nelle sue fondamenta … con una affascinante sorpresa!!!
Tosca Rossi 1 Tosca Rossi 2

Le MURA di Bergamo nel patrimonio dell’Unesco

Mentre i Volontari erano al lavoro lungo le Mura, la notizia, benché attesa e sperata, ha cominciato a circolare tra i nostri soci, instillando in loro quel sano senso di orgoglio di coloro che sono consci dell’importanza della propria partecipazione ad un successo.
Così, mentre molti personaggi si preoccupavano di rilasciare interviste piene di ricordi e grandi idee destinate a riempire le pagine dei giornali cittadini, Orobicambiente ha invece proseguito, come da dieci anni in qua, a prendersi cura del monumento tanto caro a tutti i bergamaschi.
Solo più tardi, a lavori prestabiliti terminati, sono state rilasciate alcune brevi dichiarazioni (come quella riportata dal TGR Lombardia sotto allegata) per ricordare a tutti (non certo ai tanti cittadini che ci seguono e sostengono) l’importanza del nostro lavoro e l’onerosità del nostro impegno.
Ottenere il riconoscimento delle nostre Mura come patrimonio mondiale non è stato per la nostra città per niente semplice e sicuramente diversi fattori hanno contribuito al risultato; ma altrettanto impegnativo sarà il confermarlo negli anni a venire.
Per ottenere ciò, sarà sicuramente decisivo il rapporto tra le Amministrazioni e le Associazioni cittadine impegnate nella conservazione (tra queste Orobicambiente ha sicuramente il primato per ore lavorative dedicate) e valorizzazione del bene, le quali dovranno essere correttamente “ascoltate” e messe in grado di operare al meglio. E altrettanto importante sarà il coordinamento e il convincimento ad operare correttamente da parte di tutte le proprietà private confinanti con le Mura.
Tra l’altro, per tener fede all’impegno, non sarà certo da dimenticare la sistemazione del settore nord-ovest (baluardo Valverde – baluardo San Gottardo) che, stante la proprietà, richiederà l’intervento del Ministero dei Beni Culturali e che si trova ora fuori dal piano di intervento concordato tra Comune e Orobicambiente.

 
170710 unesco - eco OA 170710 unesco - TGR - OA

OrobicAmbiente utilizzerà anche i droni

Grazie alla disponibilità e alla professionalità del suo vice-presidente Diego Marsetti, Orobicambiente potrà presto ispezionare in modo completamente nuovo l’intero perimetro della Mura per verificarne lo stato in ogni punto. L’utilizzo di droni potrà anche regalare alla città visioni completamente inedite dell’eccezionale cinta muraria.170208 eco -droni orobicambiente b

Continua la pulizia intorno alle Mura… e forse prima o poi diventeremo un paese “civile”

Orobicambiente per l’arte…
Con i materiali raccolti sotto le mura della fara e della montagnetta, in una ‘normale’ mattinata di pulizie, a distanza di soli 15 giorni dalla precedente raccolta, la fantasia si può sbizzarrire in fantasiose opere d’arte.
rifiuti dalle mura

e OROBICAMBIENTE lancia la campagna “SCEMO CHI BUTTA!” (di tutto, dagli spalti delle mura!)….e come si vede, anche pesca grossa sotto Sant’Agostino
rifiuti dalle mura2

Riprendono i lavori di pulizia delle Mura Veneziane

Lo scorso sabato 16 gennaio, abbandonati i progetti di utilizzo di apparati, terminati i corsi di sicurezza, le visite mediche, messe a norma le attrezzature, sistemato il POS, le pratiche di assicurazione, il cantiere, le ordinanze sindacali, ecc. ecc., è finalmente ripartita la paziente operazione di pulizia manuale delle Mura che procederà nei tempi concordati con l’amministrazione comunale.
01 20160116_143500

07 DSCN4207

Un appello del nostro Presidente a tutti gli Amici

Caro amico e cara amica di Orobicambiente, la nostra associazione sta vivendo un momento di grande attività e di grande fermento..
Ora il grosso delle nostre attenzioni è rivolto alle Mura e al progetto di Pulizia delle Mura Venete sottoscritto col Comune di Bergamo, ma non trascuriamo gli altri nostri impegni presi con il Parco dei Colli e altri Comuni limitrofi. Nei giorni scorsi abbiamo inviato ai nostri soci e ai nostri sponsor, che ci stanno aiutando economicamente nel progetto di pulizia delle Mura, una lettera aperta informativa sulle attività , sui progetti e sulla situazione economica.
A questo punto non resta che rivolgere anche a Te un accorato appello per avere anche il Tuo supporto: diffondi queste notizie, allarga la cerchia dei possibili amici e sostenitori di Orobicambiente e non esitare a farci pervenire i Tuoi suggerimenti.

Puoi leggere o scaricare l’intera lettera cliccando qui di seguito su:

Lettera agli Sponsors di Orobicambiente