dopo il Baluardo, la Cortina di Porta S.Alessandro

Non tanti ani fa, chi usciva dalla Porta S.Alessandro e guardava a destra poteva vedere tutta la cortina di porta e il baluardo di S.Alessandro; e , benché la fossa fosse già stata malauguratamente riempita, si potevano ancora ben vedere anche le relative due cannoniere e l’ingresso della sortita…. poi, piano piano, tutto ciò era diventato “invisibile”. Con le Mura ora patrimonio Unesco, queste cose non dovrebbero più succedere…



E’ appena terminato il lavoro di OrobicAmbiente quando, sul muretto ripulito sopra un’aiuola senza rifiuti, prende posto un gruppo di turisti tedeschi mentre la guida spiega loro, dopo la recuperata visibilità, la storia delle nostre Mura Veneziane.
20180802_114533 rid dopo 06Naturalmente quando si ripulisce un angolo da troppo dimenticato, è possibile che si scoprano delle magagne… e alcune sono state riprese nella pagina di album fotografici

Il lato nord del Gromo dei Rivola

Tra un impegno e l’altro, perché non dare una ripulita anche al lato nord del Gromo dei Rivola. Questo si affaccia sulla piazzetta Luigi Angelini dove lo storico lavatoio costituisce un’attrazione per i numerosi turisti che, salendo da Piazza Mercato delle Scarpe, si soffermano sovente lungo il percorso per una foto ricordo.
E allora ecco che, in un solo sabato pomeriggio, Luca, Ivan, Mauro, Marco e Robi rendono alla città un altro angolo da fotografare.
180616 Gromo dei Rivola 00 180616 Gromo dei Rivola 00b 180616 Gromo dei Rivola 01
180616 Gromo dei Rivola 03 180616 Gromo dei Rivola 04 180616 Gromo dei Rivola 05 -pausa ghiaccioloe qui a fianco, i nostri Volontari, dimostrando di essere (nonostante le apparenze!) dei comuni mortali, sulla parete a 30° centigradi, permettersi il lusso di una pausa “ghiacciolo”! Ma dopo pochi minuti il lavoro riprende… e alla fine i risultati si vedono..

180616 Gromo dei Rivola 06

180616 Gromo dei Rivola 07 180616 Gromo dei Rivola 08

dicono di noi…

Non è passato inosservato il lavoro dei nostri Volontari sul lato Nord-Ovest delle Mura Veneziane… non solo ai giornalisti dei nostri quotidiani ma sopratutto a quei numerosi Bergamaschi che sono transitati, sia in macchina che a piedi, lungo la panoramica per San Vigilio; molti di essi hanno manifestato il loro stupore nel “vedere”, fermandosi a chiedere informazioni, e quindi comprendere, l’estensione delle Mura Veneziane COME NON LE AVEVANO MAI VISTE! I Baluardi San Vigilio, Pallavicino e Castagneta sono ora perfettamente riconoscibili. Prossimamente, non appena il Comune avrà provveduto all’interramento della linea elettrica ora penzolante sulla cinta muraria, lo stesso avverrà per il Baluardo San Gottardo.
Nell’album fotografico “prima… e dopo” riportiamo immagini che visualizzano l’esito dell’intervento dei nostri Volontari!180218 rocciatori al lavoro

dall’album della passata stagione…

e per ricordare a tutti che per i Volontari è “NonsoloMura”…
squadra mobile

Presentazione progetto sentiero sotto le mura